Crea sito

IL CONCORSO POETICO “POETA BOSINO DELL’ANNO”

La prima edizione del concorso poetico “Poeta bosino dell’anno” si tenne nel 1966 e vide vincitore Nino Cimasoni  con la lirica ‘Na storia vegia da Varés’. Gli altri due poeti premiati furono: A. Monti con ‘Un ternu al lott’ e Rinaldo Mangano con ‘Ul me dialètt’.  

L’anno successivo (1967) vinse ancora il primo premio Nino Cimasoni con ‘Ol nost campanin’; seconda e terzo arrivati furono Amelia Albini con “Ma l’eva bel Vares 80 fa” e Rinaldo Mangano con “U la me tera”.

Il 1968 vide come vincitrice una poetessa, Amelia Albini, con ‘Or condominii’, secondo il solito Nino Cimasoni con ‘Ol vecc dul Sant’Albin’, terzo A. Monti con ‘Ciau Varés’.

Amelia Albini fa il bis nel 1969, con ‘La letera’, secondo sempre il Cimasoni con ‘Vares miliardaria’ e terzo Rinaldo Mangano con ‘Ol mè matrimoni’.

Nel 1970 si invertono le posizioni, vince Nino Cimasoni con ‘I gran vill da Varés’, seconda la Albini con ‘Ur viagg da spuus’ e terzo R. Ambrosetti con ‘Ol paesan’.

Nel 1971 compare R. Nidola, che vince con ‘Ra nostra tera’, a seguire sempre Albini, Cimasoni e Ambrosetti.

Nel 1972 torna a vincere, come Poetessa bosina, Amelia Albini con ‘La camisa rossa’, e al secondo posto troviamo Tino Rossi con la poesia ‘Un aspett quasi noeuv da Vares ca sa moeuv’, terzo E. Palma con ‘On penser d’ona bosina stracca’. 

Nel 1973 vinse come Poeta Bosino Renato Nidola “Sota i portich da Vares”, seconda Amelia Albini “Basitt e pessitt” e terzo Tino Rossi “I tusann da Varés”.

Nel 1974 vinse invece un outsider, Uberto Vedani, con ‘Ul pariscio’, secondo Nino Cimasoni con ‘La canzun verda’ e terzo ancora Renato Nidola con ‘La giobia 1974’.

Il 1975 vide invece una novità, la comparsa di Ermanno Abbiati, premiato addirittura con due poesie:  al primo posto con ‘Ra mesùm’ e, al secondo posto, con ‘Ra bigatera’, mentre terzo è ancora una volta Tino Rossi con ‘Ra me città’.

Il 1976 porta alla ribalta un nuovo poeta, che vincerà più volte il concorso Poeta Bosino: si tratta di Antonio Carlo Montonati. Vincerà quell’anno con ‘Ur fungiàtt’, secondo Ermanno Abbiati con ‘Ra curt desulava’ e terzo Tino Rossi con ‘I paracar’.

Nel 1977 vinse per la prima volta, dopo vari ottimi piazzamenti, Tino Rossi con ‘Gh’è scià i busìtt’, secondo Montonati con ‘Schiranett da Varés’ e terzo Edoardo Speroni con ‘Bontà’.

Nel 1978 tornò a vincere Nino Cimasoni, con ‘Tra mi e ti’, secondo Natale Gorini con ‘La Toppa’, e terzo ancora Tino Rossi con ‘Na foia seca’.

Nel 1979 sarà Tino Rossi il vincitore del primo premio con “Rifless in ciar e scur’, mentre al secondo posto compare un nome nuovo, Paolo Rattazzi, con ‘Parla on Garibaldin’, terza Amelia Albini con ‘Ra casbenatta’.

E la new entry Paolo Rattazzi vincerà proprio l’anno dopo, il 1980, con ‘Un gotiin d’acqua saràa’, secondo Natale Gorini con ‘Or municipi in sottanin’, terzo Edoardo Speroni con ‘La mè nunèta’.

Nel 1981 il primo posto spetterà a Natale Gorini, con ‘I lus da Natal’, secondo Antonio Carlo Montonati con ‘Maternità’ e terzo Paolo Rattazzi con ‘Tera’.

Nel 1982 compare un nuovo poeta, per la verità già terzo nel 1980: Edoardo Speroni. E’ lui a vincere con ‘Regord’, secondo un altro nome nuovo, A.Brusa, con ‘Sun diventava nonna’, e terzo ancora un outsider, G.Comolli, con ‘On don dul Signuur’

Il 1983 vede la vittoria di R.Gariboldi, con ‘Giugatul’, secondo Natale Gorini con ‘Vurett ben’ e terzo Antonio Carlo Montonati con ‘La girumeta d’ora’.

Natale Gorini vince il primo premio nel 1984 con ‘Na cura par la vista’, secondo Antonio Carlo Montonati con ‘Ai sett or da matina’ e terzo Tino Rossi con ‘Ra me solitudin’.

Nel 1985 i premi si raddoppiano: due sezioni, lirica e bosinata. Nella sezione della poesia ‘lirica’ vince il Montonati con ‘Cometa vagabonda’, secondo Uberto Vedani con ‘Pundi l’uregia’ e terza Fernanda Montorfano con ‘Na matina da primavera’. Nella sezione ‘bosinata’ il primo premio va a Natale Gorini, con ‘La tassa sui can’, secondo A. Daverio con ‘Mestee ca spariss e ca resta’ e terzo G. Comolli con ‘Giuann casciaball’.

Nel 1986 torna a vincere Montonati con ‘I can disoccupa’, poi abbiamo tre nomi anziché due: G.Comolli con ‘Na pagina bianca’, F.Montorfano con ‘L’ultim murun’ e Natale Gorini con ‘Sul stradun di capeel’.

Nel 1987 vince A.Daverio con ‘Stanzin dra mama’, poi tre nomi: Natale Gorini con ‘Ur calo demografico’, Paolo Rattazzi ‘Parlan i fiur’ e Sandro Angiolini ‘Invid moderno’.

Nel 1988 compare un nome nuovo, L.Cariboni, che si impone con ‘La geseta’, secondo Natale Gorini con ‘Martedì tredas dicembar’ e terzo Edoardo Speroni con ‘Pudè scriv, pudè viv’.

Nel 1989 vince Natale Gorini con ‘Pedun’, secondo Carlo Mina con ‘Nocc’ e terzo Paolo Rattazzi con ‘Un camisell da lana’.

E Natale Gorini si ripete nel 1990: primo con ‘Ul prugress’, secondo il Montonati con ‘Paroll’ e terzo ancora una volta Paolo Rattazzi con ‘Un crespin da memori’.

Nel 1991 Gorini si accontenta della terza piazza ‘Filippica bosina’, seconda Carlotta Fidanza Cavallasca ‘Primavera’ e Poeta Bosino è G.Comolli con ‘Caffè Firenze’.

Nel ’92 vince Montonati con ‘Gel’, seguito da Gorini ‘La sanatoria’, da R. Bertoni Gandini ‘Quasi un bagott’ e da Fernanda Montorfano ‘Penitenz da Quaresima’.

E nel 1993 ecco ancora al primo posto il Gorini ‘Vecc o giuvin’, seguito da F. Comolli ‘Nataal par un barbun’, da Carmen Contini ‘Sun chi’ e da G.Comolli ‘Acqua neta’.

Il 1994 vede un giovane Carlo Zanzi, 39 anni, che vince il primo premio con ‘Rusari d’un vècc’. Secondo Edoardo Speroni con ‘Cusè vurevan dì’, e terzo Franco Passera con ‘Ul batel dul Signur’.

Nel 1995 il Poeta Bosino è Renato Tadini, con ‘Colana da stell’, poi, secondi a parimerito, Amedeo Bianchi con ‘Ul gerani’ e Battista Zanzi con ‘Paroll e ciaciar’,  terzo è Renato Monetti con ‘A magia dul camin’.

Nel 1996 è Carlo Zanzi a vincere con ‘Nott da San Lurenz’, secondo ancora Amedeo Bianchi con ‘Emmaus’ e terzo Antonio Carlo Montonati con ‘Ricord’.

Nel 1997 è la volta di una donna, e per la prima volta di un poeta non italiano: vince Anna Maria Mion, ticinese, con ‘Vapur da temp’. Secondi ex aequo ancora Amedeo Bianchi “Tenera sira” e Paolo Pozzi “Gugia da luus”.

Nel 1998 sale alla ribalta un poeta malnatese: Renato Monetti. Vince con ‘Un’Ave Maria’, secondo Carlo Zanzi con ‘La tusèta dul Muntèll’ e terza Carlotta Fidanza Cavallasca con ‘Me gott da rusava’.

Nel 1999 Anna Maria Mion fa il bis con ‘Filapar da pensée’, secondo Amedeo Bianchi con ‘A Diu (par na mort tampuriva)’ e terzo Carlo Zanzi con ‘Calicantus’.

Nel 2000 torna a vincere Renato Monetti  con ‘…sarà’, secondi ex aequo Natale Gorini “I zucurun” e Mario Lodi, con ‘ Fughitt e falò’,  terza Angela Menconi Ganna, con ‘La mè finestra’.

Nel 2001 vinse per la prima volta Enrico Tediosi con ‘Ur me ciussèt’, secondi a pari merito Paolo Rattazzi con ‘Pagin du la memoria’ e Giampiero Maspero con ‘Ul bosch’.

Ancora una donna nel 2002, Carlotta Fidanza Cavallasca  con ‘Cun ti’, secondi ex aequo Paolo Pozzi "Scivèll" e Marino Monti "A ‘na capelet", terzo Enrico Tediosi con ‘Santèe dul cor’.

Nel 2003 abbiamo una terna di poeti collaudati: vince Paolo Rattazzi con ‘Ul nostar lagh’, secondi ex aequo Renato Monetti “Un meregasc” e Natale Gorini “I ugiaa”.

Nel 2004 la giuria ritiene di dover premiare solo due liriche: vince Tino Rossi con ‘Fantasii da quand vegn sira…’, seconda Angela Bertoni Gandini con ‘Nocc da Natal in San Vitur’.

Nel 2005 torna la ticinese Anna Maria Mion: è poetessa bosina con ‘Ramm scià secc’, al secondo posto abbiamo tre poeti, Natale Gorini “Un siit visin al ciel”, Carlo Zanzi “Cruzz”e Giampiero Maspero “I niur”.

Nel 2006 Natale Gorini vince per la settima volta (record assoluto) il Poeta Bosino: è primo con ‘La balanza’, secondo Paolo Pozzi con ‘Un penseer cuntravent’, terzo Enrico Tediosi con ‘Ala mama di me fioo’

Nel 2007 vince Marino Monti con ‘Primm nuembar’, seconda è Carlotta Fidanza Cavallasca con ‘Nivul o stell’, terzo Paolo Rattazzi, ancora in pista, con ‘Scampul da seren’.

Nel 2008 è la volta di Angela Bertoni Gandini con ‘Viiv’, secondo Enrico Tediosi con ‘Car ul me vecc’, terzo Carlo Piccinelli, di Brinzio, con "Ca’ de sass".

Il 2009 vede l’ultima vittoria di Anna Maria Mion con ‘Fumm in d’un boff’, poi secondo Antonio Carlo Montonati con ‘Sbarlusc d’amur’, e terzi ex aequo il solito Tediosi, con ‘Quanta gent ieer (al me fredell)’ e Lidia Munaretti con ‘Nocc da San Lurenz’’.

Due nomi nuovi per il 2010, il vincitore, Carlo Luigi Binda con "Culuur e prufum d’amuur" e il secondo, Giuliano Tognella con "Ra storia da Dedal", mentre è ancora  nei premi Lidia Munaretti con ‘Vuraria ditt’.

Il 2011 vede la prima delle tre vittorie di fila di Luisa Oprandi che vince con ‘Sant’Antoni, par piasè…’, seconda è Norma Bombelli con ‘La schisceta’ e terzo è Antonio Borgato, attuale Re Bosino,con ‘L’or du la matina’.

Il 2012 ecco il bis di Luisa Oprandi, con ‘Tra vizzi e stremizzi’, secondo è Carlo Bossi di Sant’Ambrogio Olona, con ‘La mama supiva’ e terzo Carlo Zanzi con ‘La bancheta dul tramunt’.

Il 2013 vede ancora portarsi a casa la statuetta argentea del Pin Girometta la Oprandi con ‘Na sira de maag’, secondo è Marino Monti con ‘La Maduneta da la nicia’ e terza Elisa Ravera con ‘A l’era dumeniga dopumesdì’.

E siamo così giunti al tempo di Norma Bombelli. Sarà infatti la piccola Norma ad aggiudicarsi il Pin Girometta d’argento sia nel 2014 che nel 2015. Alla Giobia 2014 la Bombelli vince con ‘Quattar pass’, secondo Carlo Piccinelli con ‘Cin…cin…cincent’, terzo Carlo Zanzi con ‘ Te me dì’.

Alla Giobia 2015 sempre Norma Bombelli vince con ‘Tempesta’, secondo Enrico Tediosi con ‘I lavandeer’, terza Carlotta Fidanza Cavallasca, con ‘Straa’.

Poetessa Bosina 2016 Luisa Oprandi con ‘Na nòtt in ringhera’, secondo Carlo Zanzi con ‘Stasìra’, terza Diana Ceriani con ‘Ur sunadur de strava’.

Il primo premio per il 2017 va (per la quinta volta) a Luisa Oprandi con ‘I dì du la merla’. Al secondo posto Michele Piacenza con ‘Da dré a la memoria’, e terzo Luigi Binda con ‘I duu spusìtt’

Tratto dal blog di Carlo Zanzi: http://terzopensierieparole.blogspot.it/2017/01/poeta-bosino-story-5.html